Incentivi per attività di comunicazione e divulgazione della ricerca

Il video-report per connettere ricercatori e scuola superiore

E' dimostrato che gli studenti delle ultime classi delle scuole superiori, se opportunamente indirizzati, sono in grado di realizzare discreti video-report, in grado di riportare e rendere disponibili a un vasto pubblico, sia interno che esterno alla scuola, le informazioni raccolte da una piccola redazione (4/6 studenti) attraverso gli incontri con un ricercatore. ( maggiori dettagli sul video-report qui: http://xoomer.virgilio.it/spartacovitiello/proposte.htm#report ...more »

Submitted by

Voting

13 votes
19 up votes
6 down votes
Active

Incentivi per miglioramento formazione dottorale

Sviluppo e gap dell'Università.

Premessa Leggo di sovente su quotidiani e riviste dal titolo altisonante, il riferimento a enti di formazione, di sviluppo, all’università, ai loro statuti e programmi, ricchi di buone intenzioni e ridondanti di ottimismo propositivo. Fra gli scopi principali delle loro “grida” figurano la promozione della cultura, della ricerca, della scienza, della formazione, la tutela della salute e della sicurezza dell’uomo, ...more »

Submitted by

Voting

6 votes
9 up votes
3 down votes
Active

Altre idee e proposte

Università ed E-learning

Propongo di incoraggiare la diffusione nelle università di strumenti per registrare le lezioni universitarie e inserirle nelle piattaforme on-line già presenti nei vari atenei. Alcune università già possiedono le strumentazioni e attivano corsi di laurea in videoconferenza tra due sedi distaccate, ma senza la possibilità di registrare le lezioni. La possibilità di fruire delle registrazioni delle lezioni secondo me servirebbe ...more »

Submitted by

Voting

7 votes
17 up votes
10 down votes
Active

Incentivi per trasparenza del reclutamento dei ricercatori

Trasparenza piena dei risultati della ricerca

In accordo alle linee guida internazionali in merito, andrebbe data piena pubblicità ai dati in merito alle pubblicazioni di ricerca. Come primi passi in questa direzione, sarebbero da rendere pubblici le seguenti basi di dati, attualmente disponibili ad enti pubblici ma non rese disponibili: * I risultati della VQR (Valutazione Qualità Ricerca). * Le pagine individuali dei professori/ricercatori sulla banca dati CINECA, ...more »

Submitted by

Voting

29 votes
47 up votes
18 down votes
Active

Indicatori per valutazione H2020-IT

valutazione prodotti ricerca

credo che la valutazione dei prodotti della ricerca vada fatta utilizzando database selettivi come il "web of knowledge", sia in termini di citazioni effettive che di autorevolezza della fonte di pubblicazione. Nell'era della pubblicazione online e` pericoloso raccogliere i prodotti usando motori di ricerca privi di selettivita` quali "google scholar" o "publish or perish". Una selezione piu' attenta della qualita` delle ...more »

Submitted by

Voting

3 votes
19 up votes
16 down votes
Active

Incentivi per partecipazione PMI al Programma

Sgravi fiscali per politiche innovative da parte di PMI

Analizzando il tessuto economico italiano si può notare come la maggior parte delle aziende a livello nazionale siano PMI. Per la maggior parte aziende che sono nate e si sviluppano in ambito familiare, sottocapitalizzate rispetto ad altri Paesi europei e con minor possibilità rispetto alla grandi di assumere personale specializzato. Perchè non promuovere PMI ad alto tasso d'innovazione che assumono personale specializzato? ...more »

Submitted by

Voting

14 votes
19 up votes
5 down votes
Active

Incentivi per trasparenza del reclutamento dei ricercatori

Valutazione, premi e decurtazioni per professori

Una delle piaghe che affligge il nostro sistema universitario è la sterilità di ricerca, didattica e partecipazione a bandi europei di molti professori non appena raggiunta la propria posizione agiata ed intoccabile. È ormai intollerabile che ci siano professori che da anni non abbiano pubblicazioni internazionali e che affidino agli assistenti le lezioni delle cattedre di cui sono titolari. Non solo: essi abusano della ...more »

Submitted by

Voting

32 votes
53 up votes
21 down votes
Active

Incentivi per attività di comunicazione e divulgazione della ricerca

Creazione Taskforce 'cervelli' Formazione Docenti

Ritengo, conoscendo la realtà della mia Università, che ci sono molte idee e molte capacità. Il Ministero potrebbe creare una taskforce di ricercatori e dottorandi, reclutati dai diversi atenei, soprattutto per aiutare a rinnovare la didattica, mi riferisco soprattutto all'introduzione delle tecnologie. Ci si occupa troppo poco di introdurre strumenti nuovi ma di non cambiare i metodi e gli approcci, così si verificano ...more »

Submitted by

Voting

5 votes
13 up votes
8 down votes
Active

Altre idee e proposte

Rimuovere le barriere burocratiche all’internazionalizzazione

Cito solo alcune delle barriere burocratiche che attualmente rendono complicata (se non impossibile, in alcuni casi) l’internazionalizzazione dei nostri Atenei. 1) COMPILAZIONE IN ITALIANO DI MODULISTICA Alcuni dei moduli da compilare per accedere a finanziamenti MIUR (per esempio, i progetti PRIN) ancor oggi richiedono la compilazione bilingue (italiano e inglese). Per lo meno nelle discipline scientifiche, questa prassi ...more »

Submitted by

Voting

29 votes
58 up votes
29 down votes
Active

Altre idee e proposte

rischio e rinforzo sismico di Centri storici circum-Mediterranei

L’idea è di affrontare il rischio sismico ‘completo’ dei centri abitati medio-piccoli, vecchi e antichi, tipici del tessuto abitativo dei Paesi circum-Mediterranei. ‘Completo’ in questo senso: una volta scelte le tipologie edilizie ‘critiche’ (dall’ “Adobe” nord-africano, alle murature medievali squadrate dell’Umbria, alle murature “a sacco con ‘mummoli’ ” della Basilicata, alle murature a secco turche, ai PiloT degli ...more »

Submitted by

Voting

8 votes
9 up votes
1 down votes
Active

Incentivi per attività di comunicazione e divulgazione della ricerca

Mezzi a basso impatto per il controllo delle fitopatie

Per il controllo delle malattie delle piante e la riduzione dell'uso di agrofarmaci è necessario sperimentare mezzi a basso impatto ambientale che possano proteggere frutta e verdura ed evitare la presenza di residui. Tali attività andranno comunicate al consumatore attraverso giornate divulgative volte a far comprendere la necessità della ricerca per la garanzia di una buona produzione alimentare e la sicurezza di un ...more »

Submitted by

Voting

8 votes
13 up votes
5 down votes
Active

Altre idee e proposte

INDUSTRIA 2.0

Il mondo in cui viviamo è in una fase di transizione, la civiltà industriale (1.0) è al tramonto, la reale esigenza di uomini e macchine che producono macchine è al capolinea. Le nazioni con enormi problemi demografici (CINA-INDIA) non potranno seguirci, almeno per i prossimi anni, su questa nuova pianificazione sociale-industriale. Le nostre industrie saranno sempre più fatte da ROBOT e UOMINI al controllo di qualità, ...more »

Submitted by

Voting

2 votes
6 up votes
4 down votes
Active